L'arrivo dell'inverno porta con sé variazioni climatiche tali (abbassamento temperature, umidità, ecc.) da indebolire l'organismo e renderlo più vulnerabile all'attacco di virus e batteri, con la comparsa di patologie infettive respiratorie ed intestinali, quali riniti, faringiti, tracheiti, bronchiti, gastro-enteriti. Il microrganismo patogeno più famoso è certo il virus dell'influenza (in verità composto da 3 famiglie principali, "tipo A", "tipo B" e "tipo C", a loro volta suddivise in numerosi sottotipi; quest'anno i prevalenti dovrebbero essere il "A/Michigan" [sottotipo H1N1],nuovo rispetto a quello dell'anno scorso, il "A/Hong Kong" [sottotipo H3N2] ed il B/Brisbane, già presenti nel vaccino influenzale trivalente 2016/17, ai quali si aggiunge il B/Phuket presente nel nuovo tipo di vaccino tetravalente, altamente consigliabile invece del trivalente), tuttavia esistono molti altri virus (rickettsie, coronavirus, adenovirus, coxavirus, ecc.) e batteri (streptococchi, stafilococchi, haemophilus influenzae, ecc.) capaci di dare infezioni con sintomatologie molto simili e dipendenti dall'organo/i colpito/i, quale: febbre, mal di gola, mal di testa, dolori osteoarticolari, tosse, vomito, diarrea.

Trovare la mattina sul cuscino capelli in quantità è un evento che può spaventare, tuttavia è assolutamente normale e fisiologico che un piccolo numero venga perso e sostituito con nuovi esemplari.

Il capello infatti, che è costituito da uno stelo (la parte visibile) attaccato alla radice (impiantata nel derma all'interno del follicolo pilifero, con la funzione di formare lo stelo), non ha durata infinita, ma un ciclo di vita di 2-5 anni, costituito da 3 fasi principali:
la fase di Anagen, di crescita, che costituisce la quasi totalità del tempo di vita del capello;
segue la fase di Catagen, di sole 2 settimane, nella quale il capello modifica la sua consistenza atrofizzandosi;
infine la fase di Telogen, di circa 3 mesi, all'inizio della quale il capello viene espulso e sostituito alla fine da uno nuovo.
Solo quando la caduta supera la quota di 50-100 capelli al giorno si può parlare di caduta patologica, ovvero ALOPECIA.

Dolori articolari? Lombalgie? Cervicali? Distorsioni? Artrosi? Osteoporosi? Fratture? 

In collaborazione con l'Assessorato Regionale alla Salute del Friuli-V.G., nell'ambito del Piano Nazionale di sorveglianza e risposta alle arbovirosi trasmesse da zanzare, organizzato dal Ministero della salute, qui di seguito alcuni semplici consigli sui comportamenti corretti da tenere per evitare la proliferazione e prevenire le punture delle zanzare, in particolare di quelle "tigre", che rappresentano i maggiori vettori capaci di trasmettere malattie virali di origine tropicale, quali Chikungunya, Dengue, Zika virus, West Nile, sempre più frequenti anche in Europa a causa della maggior mobilità di persone e merci. 

Farmacia San Giacomo. Difende la tua salute!

#dispensiamo salute.

Dal 2016 siamo Punto di Assistenza specializzato AMPLIFON, azienda leader nella produzione ed assistenza post-vendita di apparecchi acustici.

La diminuzione della capacità uditiva è un processo che colpisce più persone di quanto si pensi; progredisce lentamente, al punto che spesso si convive per anni senza accorgersene, fino a quando non diventa evidente. Rumore, stress, abitudini alimentari scorrette, fumo, alcool ed alcune malattie, sono fattori favorenti che possono peggiorare la situazione.
Per questo la prevenzione, o comunque intervenire al più presto, è determinante per evitare processi irreversibili.